shutterstock_297620834

#Circo

SOMEONE CAN’T GIVE YOU PERMISSION TO DO SOMETHING THEY HAVEN’T IMAGINED IS POSSIBLE

Someone can’t give you permission to do something they haven’t imagined is possible

Capelli biondi mossi, sguardo vivace e comunicazione non verbale da 10 e lode

Gillian Ferrabee, sul palco di iCodex, un hackathon dedicato all’innovazione culturale fa sentire la sua presenza senza bisogno di parole.

Prima ballerina e poi attrice è oggi a capo del Creative Lab del Cirque du Soleil Media, per lo sviluppo di progetti per la TV, il Cinema e i nuovi media.

La sua passione per l’Entertainment inizia all’età di 15 anni con il primo corso di danza e poi è un gioco di incontri ed ispirazione a spingerla a proseguire la sua carriera in questo ambito.

Avevo già praticato diversi sport, quindi conoscevo già la forza fisica del nostro corpo, ma con la mia prima lezione di danza, compresi la potenza, la capacità del corpo di raccontare storie. Attraverso il movimento, i nostri corpi esprimono emozioni e le trasportano attraverso l’elettricità dei muscoli e delle ossa, così possiamo parlare direttamente, corpo a corpo, senza il bisogno di usare parole e pensiero. Poi a 18 anni, vidi il primo spettacolo di Pina Baush che mi aprì gli occhi sul modo di raccontare una storia, non solo attraverso la narrativa, ma attraverso le immagini, i suoni e l’energia.  Fu molto eccitante e anche se razionalmente non aveva senso, visceralmente ne aveva. Un paio di volte ho riso, senza neanche sapere il perché. Quest’esperienza ebbe un impatto significativo sulla direzione della mia carriera e decisi quella notte di inseguire questa nuova forma di danza teatro.

Come donna, è stato difficile costruire la carriera nelle arti e nel entertainment?

Direi che tutte le sfide legate al genere sono le stesse in tutti i settori, con alcune eccezioni. Principalmente per le donne di talento è difficile accedere a ruoli di leadership. Quando ero più giovane, per esempio, lavorando da attrice, la principale barriera era che le storie erano quasi sempre storie di uomini, con ruoli di donne secondarie. Ora le cose stanno cambiando.

 Cosa hai imparato dal tuo lavoro Gillian?

A prendere iniziativa. L’innovazione e la creatività richiedono di entrare in territori sconosciuti. Nessuno può darti il permesso di fare qualcosa che non ha immaginato ancora possibile. Devi prima immaginarlo e poi prendere iniziativa.

Hai un role model o un mentor?

Ne ho molti. Ho sempre avuto uno spirito indipendente, così ho cercato sempre persone da ammirare e da cui ispirarmi ma che mi incoraggiassero e mi spingessero ad essere più me stessa che ad imitarli.

3 consigli per le giovani ragazze per seguire i propri sogni?

Datevi tempo. Alcune volte avete bisogno di mettere insieme alcuni pezzetti del puzzle prima che l’immagine diventi chiara.

Siate disposte a non sapere. Quando provate a fare qualcosa di nuovo, probabilmente vi sentirete perse e non così intelligenti o capaci come siete abituate. Accettatelo e ponete tutta la vostra attenzione sull’apprendimento. La saggezza e l’abilità arriveranno con l’esperienza.

Scoprite se preferite lavorare per conto vostro o collaborare con gli altri, oppure un misto delle due cose. Questa è un’informazione preziosa.  Sarà uno degli aspetti chiave che definirà e guiderà la vostra vita lavorativa.

 

 

2 thoughts on “#Circo

  1. Ė vero! Spesso ci si sente poco preparate e….stupide davanti a qualcosa che non abbiamo mai fatto.
    Ė difficile ” buttarsi”.
    Io personalmente ho sempre mille paure.
    Ammiro chi sa intraprendere strade sconosciute.

Leave a Reply to Alessandra Cometa Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *